Alternanza scuola-lavoro, «No alle perdite di tempo, serve un osservatorio» – Il Tirreno